Il decreto accertamento e le novità in tema di crediti inesistenti e non spettanti

Giovanni Incerto, Giacomo Marchioni

Il decreto attuativo della riforma prevede che, per la riscossione di crediti non spettanti o inesistenti compensati, l’atto di recupero deve essere notificato, rispettivamente, entro il 31 dicembre del quinto e dell'ottavo anno successivo a quello dell'utilizzo. Agli atti si applicano sia il contraddittorio preventivo informato sia l'accertamento con adesione.